Il Presidente

Lupi_18

Maurizio Lupi è il presidente della Fondazione Costruiamo il futuro.

È nato (3 ottobre 1959) e vive a Milano, nel quartiere degli Olmi, con sua moglie Manuela, da cui ha avuto tre figli: Andrea, Luca e Federica.

IL MIO LAVORO E L’IMPEGNO IN POLITICA

Attualmente è presidente dei deputati di Alternativa popolare. Siede in Parlamento dal 2001 ed è stato ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti (2013-2015) nei governi Letta e Renzi e vicepresidentde della Camera dei deputati nella XVI legislatura (2008-2013).

Inizia la sua avventura sociale politica negli anni dell’università, si laura in Scienze politiche alla Cattolica di Milano, dove incontra don Luigi Giussani e aderisce al movimento di Comunione e liberazione. Sono gli anni dell’impegno nelle elezioni universitarie con i Cattolici popolari e della fondazione della Cusl (Cooperativa universitaria scuola e lavoro) che interviene nel campo del diritto allo studio (sconto sui libri e sul materiale didattico, pubblicazione di dispense aiuto ai fuori sede per l’alloggio e la mensa).

Durante gli anni dell’università lavora per mantenersi agli studi (“o venduto bibite a San Siro, ho dato ripetizioni, ho insegnato religione in una scuola media al quartiere Tessera, estrema periferia ovest di Milano, e ho fatto pure l’autista, anche se non mi piaceva molto guidare”. da “La prima politica è vivere”); dopo la laurea inizia a lavorare prima come assistente personale dell’amministratore delegato del settimanale Il Sabato, in seguito come capo ufficio stampa e responsabile P.R. di Fiera Milano, per poi essere nominato Amministratore delegato di Fiera Milano Congressi nel 1994, incarico che ha ricoperto sino al 2013. Attualmente è dirigente in aspettativa di Fiera Milano.

La sua prima elezione in una istituzione pubblica è  nel 1993, quando viene eletto in Consiglio comunale di Milano, dove è stato vicepresidente e presidente della commissione Urbanistica.

Nel 1997 viene rieletto e diventa assessore comunale allo Sviluppo del territorio Edilizia privata e Arredo urbano nella giunta Albertini

Sono gli anni in cui matura una specifica competenza nel settore dei lavori pubblici proseguita nel corso dell’attività parlamentare.

Entra alla Camera dei deputati il 13 maggio 2001 (è eletto nella circoscrizione Lombardia 2,  collegio Merate). Nella sua prima legislatura riveste il ruolo di capogruppo di Forza Italia nella VIII Commissione (Ambiente, territorio e lavori pubblici) e Responsabile nazionale Dipartimento Lavori pubblici e Territorio Forza Italia.

Rieletto per quattro volte, nel novembre 2013 con Angelino Alfano e altri parlamentari dà vita al Nuovo Centrodestra da cui nasce, dopo quattro anni, Alternativa popolare, aggregazione politica dei moderati italiani che rifiuta e combatte la deriva populista e lepenista su cui è scivolato il centrodestra italiano.

Tra le sue iniziative legislative come deputato e come ministro vanno ricordate la legge che istituisce il 5 per mille per l’associazionismo e il volontariato, il Decreto del fare (che ha fatto ripartire molte infrastrutture viarie e ferroviarie e finanziato il progetto “6000 campanili” per i piccoli comuni), il Piano casa (con aiuti per la morosità incolpevole e per l’acquisto della prima casa per le giovani coppie e con la fine della proroga degli sfratti) e il Decreto Sblocca Italia (grazie al quale sono ripartiti i lavori su grandi infrastrutture come ad esempio l’Alta velocità Napoli-Bari). Decisiva è stata la sua mediazione per l’ingresso di Etihad in Alitalia nel 2014, ultimo salvataggio della compagnia di bandiera con capitali interamente privati senza uso di soldi pubblici.

Oltre alla passione politica, che ha raccontato in un libro (“La prima politica è vivere”, Mondadori 2011) è un appassionato tifoso del Milan e corre la maratona (vanta 9 partecipazioni a quella di New York ed è fondatore e animatore del Montecitorio Running Club).

 

SOCIAL1

“La Prima Politica è Vivere” di Maurizio Lupi

6309627428_37b1f3708d_n

“Perchè ti impegni ancora in politica?”
“Perchè ne vale la pena?”
“In tutto questo casino perchè uno come te si deve impegnare in politica?”

Ho accettato la sfida e voglio rispondere a voi che mi siete amici, a quelli che mi criticano e a coloro che mi vedono in TV. A queste e a tante altre domande rispondo nel mio libro “La prima politica è vivere” edito da Mondadori, che vuole essere una testimonianza di cosa vuol dire oggi fare politica e del perchè ci credo ancora e più di prima.

SCOPRI